Politica : Scisciano: 17enne muore per meningite fulminante
Inviato da Redazione il 25/4/2009 9:50:00 (4038 letture)

Il calvario di Monica, 17enne di Scisciano e studentessa dell'istituto d'arte di San Gennaro Vesuviano, comincia con un mal di testa appena appena fastidioso. Non voleva lasciare neppure la scuola, stato il fidanzato, che frequenta lo stesso istituto, a convincerla: Fatti venire a prendere dai tuoi genitori. Non sapeva Maria Monica Alaia, non poteva saperlo, che nel giro di poche ore la sua vita si sarebbe spenta, nonostante il disperato tentativo dei medici. Insufficienza respiratoria e coma irreversibile, questa la diagnosi di morte dei sanitari dell'ospedale Cotugno, dove la ragazza spirata alle tre del mattino di ieri.

Ma siamo di fronte ad un sospetto caso di meningite: una forma acuta e fulminante, una variazione di quella classica, che ha pochissime ore di incubazione e spesso non lascia scampo. Subito scattata la profilassi per tutti quelli che sono stati a contatto con lei: la famiglia, che ha assunto il Ciproxin, un antibiotico, e i compagni di classe. L'Asl 4 l'ha prescritta in via preventiva mediante i medici di famiglia: una forma di cautela, perch anche se i risultati delle analisi saranno noti solo nelle prossime ore, i sospetti che si tratti di meningite ci sono tutti. E, infatti, ieri mattina in piazza Margherita, dove si trova l'istituto d'arte frequentato da Monica, il caos regnava sovrano. I quasi 350 alunni non sono entrati e i genitori chiedevano continuamente spiegazioni e rassicurazioni. Il dirigente scolastico Sabatino De Stefano cercava di mantenere la calma, parlava con mamme e carabinieri e spiegava: Aspettiamo le decisioni dell'Asl, ma necessario evitare allarmismi. Sulla stessa lunghezza d'onda il sindaco Aniello Catapano, che anche medico: Capisco l'agitazione, ma siamo in contatto sia coi medici del Cotugno che con quelli dell'Asl.

Paura, tanta. Ma anche sconcerto. Per una morte repentina quanto assurda. Monica stava bene, benissimo mercoled mattina. Poi l'emicrania e la decisione: torno a casa. Nella sua abitazione di Scisciano, in via Spartimento 78, ai confini con Somma Vesuviana, comincia l'inferno: arriva la febbre alta, poi il delirio e la perdita di conoscenza. Anche con le cure un'escalation: prima la Tachipirina per far abbassare la temperatura e gli antibiotici, poi la corsa all'ospedale di Nola e da l quella disperata al Cotugno, dove si curano le malattie infettive. Monica ci arriva a tarda sera e ci resta viva poche ore: La situazione gravissima, spiegano i medici ai familiari, che si preparano al peggio. Verso le tre del mattino, il responso definitivo: Non ce l'ha fatta. Al pap Antonio, alla mamma Antonietta Covone e alla sorella Nadia non viene data neppure la possibilit di vederla un'ultima volta. Viene spiegato loro che si tratta di una possibile meningite, che anzi devono fare la profilassi.

Qualche ora dopo, sono i compagni di classe della 17enne, quelli della 3 A, a dare la notizia al resto della scuola e lanciare l'allarme: Monica morta, forse di meningite. Sono sconvolti, corrono a Scisciano ad abbracciare i genitori. Lo faranno anche questa mattina alle 10,30 (ieri ndr) quando ci saranno i funerali della ragazza. Nel frattempo, l'istituto d'arte rimarr aperto: non c' nessun motivo per chiuderlo e la profilassi riguarda solo i contatti diretti. Sar all'ingresso della scuola a spiegare ai genitori che non c' pericolo, dice il sindaco Catapano. Ma le aule, probabilmente, rimarranno vuote lo stesso: saranno tutti a Scisciano, a salutare Monica per l'ultima volta.
Francesco Gravetti per il quotidiano Il Mattino

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
CliccaMarigliano
Marigliano, notizie sempre aggiornate sulla citt di Marigliano (NA) e dintorni: politica, cultura, associazioni, ambiente, sport, spettacoli.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
Cerca nel sito
Menu principale
Utenti online
1 utente(i) online (1 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 1

Altro...