: CIRCUMVESUVIANA E INQUINAMENTO ACUSTICO
Inviato da Redazione il 9/1/2006 10:10:00 (6484 letture)

Il Comitato per la Salute, DENUNCIA alle SS.LL., Ciascuna per la Propria Competenza, che il Servizio di trasporto su ferro effettuato dalla Gestione Governativa Circumvesuviana, lungo la linea a scartamento ridotto Napoli-Baiano, in particolare lungo la tratta che corre in sopraelevata dalla Stazione di Vittorio Veneto a Quella di Marigliano, fino alla rete infrastrutturale autostradale, appare carente dei requisiti di sicurezza e produce inquinamento acustico.


Spett.le Sindaco- Comune di Marigliano
Spett.le Sindaco Comune di Mariglianella
Spett.le Amministrazione Provinciale di Napoli
Spett.le Procura della Repubblica di Nola
Spett.le Procura della Repubblica di Napoli
Spett.le Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Napoli-Ufficio Prevenzione
Spett.le Vigili del Fuoco di Nola
Spett.le Rappresentante della Sicurezza D.Lgs 626/94 S.F.S.M.
Spett.li Rappresentanti dei Lavoratori (Sindacato) D.Lgs 626/94 S.F.S.M.
Ministero dei Trasporti
Spett.le Difensore Civico presso la Regione Campania-Centro Direzionale-Na
Spett.le Nucleo Ecologico Operativo dei Carabinieri-Roma
Spett.le Comando dei Carabinieri di Castello di Cisterna
Spett.le Redazione di Striscia la Notizia
On. Tommaso Barbato
On. Paolo Russo
On. Sebastiano Sorrentino
Senatore On. Tommaso Sodano


Oggetto: Linea Ferroviaria Circumvesuviana. Tratta Pomigliano-Scisciano. Messa in sicurezza e inquinamento acustico.

Il Comitato per la Salute,

DENUNCIA

alle SS.LL., Ciascuna per la Propria Competenza, che il Servizio di trasporto su ferro effettuato dalla Gestione Governativa Circumvesuviana, lungo la linea a scartamento ridotto Napoli-Baiano, in particolare lungo la tratta che corre in sopraelevata dalla Stazione di Vittorio Veneto a Quella di Marigliano, fino alla rete infrastrutturale autostradale, appare carente dei requisiti di sicurezza e produce inquinamento acustico.
La carenza dei requisiti di sicurezza sarebbe determinata dalla mancata realizzazione della strada a raso per lemergenza. Strada che lunica via di accesso da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco e/o alle autoambulanze per portare soccorso alla linea ferrata su viadotto, che si attesta anche a mt. 18 di altezza.
Infatti, la progettazione del raddoppio in nuova sede della Linea Ferroviaria Pomigliano-Scisciano fu realizzata, in primis, senza valutazione di impatto ambientale, su una cartografia antiquata e che non teneva conto della preesistenza di fabbricati residenziali.
Dalla relazione al progetto del Raddoppio in nuova sede della linea Circumvesuviana Pomigliano dArco-S.Vitaliano, a pagina 17, si evince come venisse previsto linsediamento di una strada di larghezza 5,0 metri, debitamente asfaltata, senza soluzione di continuit, che corra parallelamente al tracciato, ritenuta, necessaria agli effetti non solo della manutenzione dellesercizio ferroviario, bens dellEMERGENZA!!...
Orbene, il Cosno (lente progettista, curatore degli espropri e della stessa realizzazione dellopera infrastrutturale) ha espropriato una fascia larga metri lineari 18 e lunga diversi chilometri (poi data in gestione alla Circumvesuviana).
Il risultato sotto gli occhi di tutti:

- dei 18 mt di larghezza dei fondi espropriati sono stati utilizzati solo i fazzoletti necessari alla realizzazione dei piloni su cui corre il viadotto, il resto terra di nessuno, a ridosso di abitazioni preesistenti;

- in queste terre di nessuno, laddove ci si sarebbe aspettati di vedere correre un nastro di asfalto, una strada per lemergenza, e, perch no, una pista ciclabile, ci sono invece, cumuli di rifiuti di ogni genere, probabilmente anche tossici, erbacce e sterpaglie;

- si creato il giardino per i tossici: siringhe sono disseminate dappertutto.

- Chi, per propria disgrazia, abitava gi l, prima del transito della nuova linea S.F.S.M., deve convivere con i tossici appunto, con i ratti grossi come gatti, con i serpenti, con detrattori visivi che tolgono dignit alle residenze costruite nella legalit, con enormi sacrifici .

I Sigg. in indirizzo sono pregati di prendere visione delle fotografie allegate, di fare un sopralluogo a Marigliano, in particolare ove il viadotto interseca C.so Vittorio Emanuele.
L dove doveva essere consentito laccesso ai mezzi dei VV.FF. e/o alle autoambulanze ci sono lamiere, campane per la raccolta differenziata comunali, cancelli, muri di tufo o di cemento; si sono realizzati parcheggi di auto (probabilmente anche a gas metano);
Gi si verificata la necessit di un intervento da parte dei VV. FF. presso la stazione di Vittorio Veneto (Mariglianella).
Addetti della Stessa Sede dei VV.FF. di Nola hanno ben note le difficolt di intervento e, addirittura della IMPOSSIBILITA di intervenire lungo la tratta parallela a Via Salvatore di Giacomo a Marigliano, ove il viadotto si attesta a circa 18 metri dalla strada a raso individuabile in C.so Vittorio Emanuele III ???
Si ritiene che un guasto e/o un incendio della portata di quanto gi verificatosi, se si riproducesse lungo la tratta compresa tra lalveo San Sossio e la stazione di Marigliano, ove la linea ferroviaria si attesta a quote maggiori ed ove sono interclusi gli accessi ai mezzi dei VV.FF. e/o alle autoambulanze, provocherebbe una inevitabile carneficina!
Allinosservanza del Codice Penale si aggiungano le violazioni di Quello Civile: basti notare che le acque meteoriche non sono incanalate in una fogna per acque bianche; non vi sono n caditoie, n pozzetti di ispezione. Quando non vi stillicidio, le acque pluvie si riversano nei fondi a confine. A nulla valgono le denuncie dei cittadini onesti.
Perch non sono state realizzate le reti di smaltimento delle acque meteoriche? Le opere infrastrutturali erano certamente previste dal progetto: sono state pagate con i soldi degli onesti concittadini e non realizzate?
Si detto dellinquinamento acustico: il Comune di Marigliano ha adottato con Delibera Commissariale n 54 del 5.3.03 il Piano di Zonizzazione Acustica.
Da esso risulta come i valori limite massimo di immissione Leq in dB(A) siano max 62 quello diurno e 52 quello notturno.
Tali valori vengono continuamente disattesi sia dai mezzi movimentati da motore a scoppio per la manutenzione notturna della linea, sia a seguito di strombazzamenti da parte dei macchinisti: inutili, gratuite immissioni conseguenti a quelli che il regolamento interno della stessa Circumvesuviana definisce fischi.
Fischi che sono vietati dallo stesso art. 8 del regolamento medesimo.
E tacito aspettarsi i fischi solo alla partenza ed allarrivo in stazione per segnalare il convoglio agli utenti in attesa!
Ci si domanda: ci sono due coppie di binari, senza soluzione di continuit, su cui corrono due treni in direzione opposta. Con tutti gli strumenti in fatto di telecomunicazioni, ad oggi disponibili, un treno che vuole essere il fiore allocchiello del trasporto del terzo millennio deve fischiare come farebbe uno sgangherato mezzo a tre ruote per la raccolta del ferro vecchio?!
Ci stato debitamente segnalato, anche a seguito di una petizione di cittadini Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri con lettera assicurata n 9696 del 24.9.99. Il risultato: la velocit dei vagoni in transito fu aumentato dai previsti 50Km/h agli attuali 70Km/h (molto probabilmente superati) lungo la tratta in oggetto!!!
Si conclude invitando le SS.LL. in indirizzo ad intervenire in difesa dei cittadini e del territorio, per eliminare il paventato pericolo per la privata e pubblica incolumit conseguente alla mancata realizzazione della prevista strada per lemergenza che doveva correre, come da originario progetto, parallela, a raso, al viadotto in oggetto.
Le SS.LL. saranno, inevitabilmente, corresponsabili, in caso di inadempienza e di eventuale incidente e/o incendio che si dovesse verificare, come gi si verificato la tratta in oggetto.
Marigliano, novembre 05

Comitato per la Tutela del Diritto alla Salute
Via del sole n25 Marigliano (Na)
Tel 3282318838
E.mail: difendilasalute@tiscali.it

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
CliccaMarigliano
Marigliano, notizie sempre aggiornate sulla citt di Marigliano (NA) e dintorni: politica, cultura, associazioni, ambiente, sport, spettacoli.
Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
Cerca nel sito
Menu principale
Utenti online
9 utente(i) online (1 utente(i) in Forum)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 9

Altro...